David Yonggi Cho Da Budda a Gesù - EUN - Editrice Uomini Nuovi


Articoli
David Yonggi Cho

DA BUDDA… A GESU’

Ero coricato, morente, nella mia capanna di fango, avvolto in una coperta sudicia e stracciata. La mia speranza per questo mondo era svanita. I miei sforzi, tutto il mio combattimento in vista della mia formazione professionale, erano stati vani. Ero destinato a morire.

Questo mi sembrava così ingiusto. Io volevo vivere come tutti gli altri. Fin da bambino, avevo indirizzato le mie preghiere a Budda; ora ero morente e Budda non mi aveva soccorso. Ciò non mi meravigliava perché, mai durante gli anni, le mie preghiere erano state minimamente esaudite. Nella mia giovinezza, passata in Corea del Sud, mio padre e mio nonno mi avevano infarcito di difficili lezioni sulla filosofia buddista. Noi ci prostravamo insieme davanti agli idoli e bruciavamo dell’incenso.

Un giorno, durante il mio lavoro, mi accasciai. Del sangue sprizzava dalla mia bocca e scorreva dal mio naso. Io lottavo contro il soffocamento e persi rapidamente conoscenza.La mattina successiva i miei genitori mi portarono all’ospedale dove il medico fece delle radiografie del mio torace. Risultato: “Mi dispiace molto, ma non posso fare niente per lei. Le resta meno di un mese da vivere!” – “Dottore”, gridai, “mi dice la verità?”Qualcuno mi parlò di un pastore venuto dall’estero.

Accettai di venir condotto da quest’uomo. Già da lontano, sentii un canto gioioso e quando arrivai nella chiesa, vidi dei visi raggianti.Le parole del pastore mi penetrarono da parte a parte e quando lui invitò le persone a venire a Gesù, fui il primo ad inginocchiarmi ai piedi del palco e a pregare.Una grande pace scese allora in me. Mi sembrava che ogni cellula del mio corpo fosse riempita di una nuova vita. Improvvisamente, qualche cosa esplose in me e pensai che avrei di nuovo vomitato sangue; ma era la gioia che mi aveva invaso e cominciai a cantare!Poi chiesi al missionario: “è reale? Sono ipnotizzato?”“Non è un’ipnosi” rispose lui. “Gesù, la sorgente di ogni vita è entrato in te e tu senti la sua presenza”.Guarito da GesùDurante una notte, intanto che ero disteso sul mio giaciglio, immensamente debole, e mentre gridavo a Dio, improvvisamente una luce e un calore riempirono il locale e sapevo interiormente che mi trovavo alla presenza del Dio vivente. Una gioia indicibile mi riempì. Credevo di scoppiare d’amore. I miei dèi mi avevano sempre ispirato paura e terrore. Questo Gesù era talmente diverso.Mi misi ad adorare Dio, e più continuavo a pregare, più sentivo la mia condizione fisica che migliorava. Io pregavo, pregavo, pregavo. Non sentivo più i miei dolori, e l’indomani correvo nelle strade, mentre le mie forze aumentavano senza sosta. Di porta in porta raccontavo quello che Gesù aveva appena fatto per me. Mi sono lasciato persuadere di ritornare all’ospedale per un nuovo esame. Il medico non credette ai suoi occhi: il mio cuore e i miei polmoni erano perfettamente normali!Bisognava che il mondo sapesse quanto Dio è grande. Misi in piedi una vecchia tenda stracciata nei quartieri miseri della città di Seul e cominciai a predicare. Degli uomini provenienti da tutte le parti vennero per vedere il miracolo con i loro propri occhi. Affluirono a centinaia da vicino e da lontano, e ben presto fu necessario costruire una chiesa. Fu inaugurata nel 1973, con 10.000 posti a sedere. Ma già l’edificio si rivelò troppo piccolo. Dovevamo celebrare parecchi culti ogni domenica per gli 80.000 membri attivi della parrocchia. Molti si interrogano sul segreto di questa crescita. La mia risposta è: “Noi predichiamo Gesù Cristo, lo stesso ieri, oggi e in eterno”. Noi crediamo ai miracoli e li viviamo. Gesù aveva preso, me, il buddista moribondo e bestemmiatore, e aveva fatto di me un cristiano perdonato, salvato, sano e ripieno di Spirito Santo. è di questo che il mondo ha bisogno prima di qualsiasi altra cosa. Questo è più che filosofia, è più che religione: è la presenza del Cristo vivente. Invito tutti quelli che cercano Dio e specialmente coloro che sono smarriti a causa della malattia, della solitudine o della sofferenza di iniziare oggi stesso la lettura della Bibbia. Dio desidera dare una svolta anche alla tua vita!

 

David Yonggi Cho