L’échec de l’église face aux Juifs… - EUN - Editrice Uomini Nuovi


Articoli
L’échec de l’église face aux Juifs…

Abbiamo incontrato il Pastore Belga Dr Luc Henrist, insegnante e conferenziere europeo su soggetti riguardanti Israele ci ha fatto scoprire di più del suo libro tradotto anche in italiano dal titolo “Il fallimento della chiesa nei confronti degli Ebrei”
Luc Henrist scrive questo libro perché?
Anche se ci sono già parecchi libri su Israele e sugli ebrei, ho voluto mettere in evidenza il contesto storico di queste relazioni spesso tempestose tra ebrei e cristiani perché hanno lasciato la comunità ebraica contusa e diffidente nei confronti dei cristiani che non conoscono questa pagina oscura nella storia del cristianesimo. Durante le mie visite a diverse chiese in Francia, Belgio, Svizzera, Italia, Romania, ho capito che questo è un argomento spesso ignorato e persino a volte nascosto perché si dice che sia un soggetto “che crea divisioni”.
Perché scriverlo ora, c’è un motivo particolare?
Con l’età, ci rendiamo conto che non saremo su questa terra per sempre e che sarebbe bello condividere ciò che abbiamo imparato, con le generazioni presenti e future. Certamente è spiacevole dover ammettere che nel nome della Chiesa, in nome del cristianesimo, siano state commesse atrocità …per secoli e in particolare contro gli ebrei. Mi è stato chiesto di scrivere un libro e dopo anni in cui ho respinto l’idea perché pensavo che non fosse necessario, mi sono deciso. 
Quali sono i temi che tratti nel libro? Perché s’intitola (in francese): “Il fallimento della chiesa nei confronti degli Ebrei?”
Non mi sono limitato al punto di vista storico (che è molto importante) ma descrivo anche il mio viaggio. Racconto di come provenivo da una famiglia protestante per diverse generazioni, di come non avevo mai sentito parlare del posto e dell’importanza del popolo ebraico e di Israele nel piano di Dio. Un giorno, Dio mi ha permesso di incontrare un ebreo “messianico” il cui nonno era stato il rabbino capo di Odessa a Bruxelles nel 1984. Ed è lui che Dio ha usato per aprirmi gli occhi. In questo libro, parlo anche del pericolo della Teologia della Sostituzione (o Supersessionismo) che è stata introdotta di soppiatto nelle nostre chiese e persino nelle nostre scuole bibliche dove prepariamo coloro che diventeranno i pastori di domani. Questo libro presenta anche un estratto dell’opera di una giovane ragazza svizzera di Sion (nel Vallese!) che ha scelto per tema “il sionismo cristiano” come tesi finale. Anche qui ci troviamo davanti ad un argomento poco conosciuto e spesso frainteso. Conosciamo tendenzialmente solo l’aspetto politico del “sionismo”. Dedico anche quasi un intero capitolo all’antisemitismo di Martin Lutero, che è stato celebrato con grande clamore per il 500 ° anniversario della sua Riforma nel 2017, tralasciando (per quel che ho potuto constatare) l’aspetto oscuro di questo personaggio, il Lutero antisemita. Ma ti voglio rassicurare: non mi limito a presentare solo gli aspetti drammatici di queste relazioni tempestose tra ebrei e cristiani. Nella conclusione, propongo “soluzioni”, azioni concrete da intraprendere per tentare di superare questo fallimento della Chiesa contro gli ebrei.
Ma Luc Henrist, si ritiene sionista?
Se guardiamo alla Bibbia, vedremo che Dio ha sentimenti sionisti molto marcati … Darei solo due esempi (ce ne sono molti… la parola “Sion” appare 167 volte nella Bibbia …):
 Poiché DIO salverà Sion e riedificherà le città di Giuda, allora essi vi abiteranno e la possederanno.”  Salmo 69:35 (versione LND)

 I riscattati dall’Eterno torneranno, verranno a Sion con grida di gioia e un’allegrezza eterna coronerà il loro capo; otterranno gioia e letizia, e il dolore e il gemito fuggiranno.” Isaia 35:10 (versione LND). 
Molti pongono la domanda: “Possiamo criticare Israele senza che venga percepito come un atteggiamento antisemita”? Alcuni ora usano l’anti-sionismo come pretesto per nascondere il loro antisemitismo ma come disse il pastore Martin Luther King pochi mesi prima della sua morte (nell’ottobre 1967): 
“Quando le persone criticano il sionismo, pensano agli ebrei. Quindi, si tratta di antisemitismo … “

 

Lascio ai lettori di questa intervista la risposta all’Ambasciatore di Israele in Belgio che nel 2012 dice: “C’è anche la domanda opposta: è chi ha aiutato a sostenere Israele? Alcuni credono che sostenere Israele non sia politicamente corretto. Eppure sì, è permesso sostenere Israele senza tabù! Alla domanda se sia possibile criticare Israele, anche qui, la risposta è sì. Ma la vera domanda è se questa critica sia giustificata. È fuori dal contesto, non nasconde i tentativi di demonizzare, delegittimare, usare due pesi e due standard che sembrano orientati e non del tutto obiettivi? “
Per quanto mi riguarda, difendo, secondo le Scritture, il ritorno del popolo ebraico a Sion. Perché questo non è né un concetto politico con una connotazione negativa, creato nel 1948, né il desiderio di appropriarsi di un territorio che appartiene a un “altro popolo”, né un’idea inventata da un uomo, ma la volontà di Dio stesso! Nel mio libro leggerete il resto.
È bene non dimenticare che “il liberatore verrà da Sion e allontanerà le persone empie da Giacobbe (Israele)”. E “sarà il mio patto con loro quando io avrò tolto via i loro peccati” (Romani 11: 26-27 LND)
Cosa speri di comunicare attraverso questo libro, che messaggio dai al mondo cristiano?
Prima di tutto, vorrei comunicare il mio amore per la Chiesa. È per questo che ho scritto questo libro, per renderlo chiaro alla Chiesa, alla gente della mia “famiglia”, come hanno fatto i profeti del vecchio Israele, che ci sono cose che devono cambiare. È bene ammettere che l’atteggiamento della maggior parte dei cristiani nei confronti degli ebrei non è un atteggiamento di amore o compassione, ma piuttosto di giudizio e rifiuto. La maggior parte dei cristiani ha uno spirito di “superiorità” verso gli ebrei, mentre in Romani 11, l’apostolo Paolo ci esorta (ai non ebrei)ad avere un atteggiamento di umiltà e rispetto nei loro confronti. Nella mente di molti, gli ebrei sono considerati colpevoli perché sono i “deicidi”. Il che significherebbe che sono gli unici responsabili della morte di Gesù, quando sappiamo che Gesù ha dato la sua vita (e nessuno l’ha tolto da Lui, come dice Lui stesso in Giovanni 10:18) per l’intera umanità ed è a causa di TUTTI noi che si è sacrificato. Molte persone hanno idee preconcette sugli ebrei, alcuni diffondono l’idea di “cospirazione ebraica”, altri ripetono stupidamente gli stereotipi che sono stati trasmessi sugli ebrei per secoli attraverso la letteratura e gli insegnamenti e in particolare attraverso Internet, oggi. Spero che questo libro serva da strumento in modo che molte persone capiscano la necessità di cambiare il loro modo di vedere questo popolo. Sappiamo che l’antisemitismo è sempre presente nella nostra società e dobbiamo combattere l’odio verso questo popolo che Dio ha scelto. Ciò che vorrei soprattutto è che il mio libro diventi uno strumento attraverso il quale, tutti i lettori, raccolgano la sfida di non essere più “conformati a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente…” (Romani 12:2 LND)
Vorrei finalmente che si guardi al popolo ebraico con gli occhi di Dio, che possiamo amarli con il suo amore. In altre parole, che “I suoi pensieri diventino i nostri pensieri”!
Il libro verrà pubblicato dalla casa editrice EUN, in Italia. Quando lo potremo leggere in italiano?
Nei prossimi mesi!
Note Autore: 
“Nato in Belgio, Luc Henrist ha vissuto diversi anni in Italia negli USA e in Israele (dal 1992 al 2001). È sposato con Esther (a Roma nel 1990) ed il loro figlio Nathanaël è nato in Israele nel 2000. Luc è stato cappellano nell’esercito belga ed in una prigione in Belgio. Durante il suo soggiorno a Roma, è stato eletto membro del Consiglio dell’ “Amicizia ebraico-cristiana di Roma”. È stato anche pastore dell’Assemblea Messianica “Brit Olam” (Alleanza Eterna) a Tel Aviv.
Tornato in Belgio (giugno 2001), Luc insegna nelle chiese e nelle assemblee in Francia, Belgio, Finlandia, Svizzera, Italia, Romania, Congo, Kenia per portare luce sul “mistero d’Israele” (Romani 11,25) ed approfondire le “radici ebraiche della nostra fede.” È stato il rappresentante ufficiale di “Cristiani Amici d’Israele” (CAI) in Belgio (2001-2009), ministero che ha la sua sede internazionale a Gerusalemme. Luc è il coordinatore nazionale (per il Belgio) della “Giornata di preghiera per la Pace a Gerusalemme”, un’iniziativa che è stata creata nel 2005 da Robert Stearn (Eagles’Wings Ministeries, USA) e Jack Hayford (Church on the Way). Questa giornata ha luogo ogni prima domenica di ottobre. Luc è ufficialmente riconosciuto come pastore dal Synode Féderal de Belgique.”
Marzia De Filippis (studentessa Shepherd International University Italia)
In foto: L’autore presenta il libro presso la libreria “Le Cep” in Losanna (Svizzera), affiancato dal moderatore dell’evento Fabio Rossinelli.